Loader

Copyright: come rispettarlo sui social network?

Copyright sui social: come rispettarlo e non incorrere in spiacevoli inconvenienti.

“Mi hanno segnalato un post”, “un mio video è stato rimosso” due problematiche che potrebbero portare la stessa firma: la violazione del copyright. Ma vediamo nello specifico di cosa si tratta e come evitare di infrangere i diritti altrui, utilizzando legalmente dei contenuti liberi per usi commerciali.

Nel nostro articolo chiaramente andremo a concentrarci sulle norme relative agli utilizzi commerciali dei contenuti di terzi, ma le stesse raccomandazioni sono da considerarsi valide anche per gli utenti “privati” in una situazione di correttezza.

Immagini

NO al furto da Google!
Il fatto che determinate immagini siano “a disposizione” non ci deve far pensare che siano liberamente utilizzabili per i nostri fini. Google raccoglie nella sua sezione immagini un vero e proprio universo di foto, grafiche e contenuti multimediali. Nella maggior parte dei casi queste non sono liberamente utilizzabili e appartengono a qualcuno che le ha inserite sui propri canali social, o su siti web, e ne detiene quindi il copyright.

Quali immagini Gratuite posso usare quindi?

  • Dalla ricerca avanzata Google: quelle che presentano l’opzione “Licenze Creative Commons”, queste generalmente sono libere per utilizzi anche commerciali secondo il tipo di licenza (con attribuzione, con possibilità di rielaborazione ecc ecc)
  • Da alcuni siti che raccolgono appositamente contenuti utilizzabili a fini commerciali come UnsplashPixabay (ve ne abbiamo parlato anche in questo articolo), Pexels e Freepik.

Informatevi sempre se è necessaria la menzione dell’autore oppure no.
Rimangono utilizzabili liberamente le immagini originali create da voi e quelle acquistate specificatamente.

immagini senza copyright
Homepage Unsplash

Audio

Non solo le immagini, ma anche l’audio va tenuto in considerazione quando si creano contenuti video. Per non incorrere in sgradevoli conseguenze, tipicamente la rimozione del contenuto, vi vogliamo segnalare due siti da cui scaricare gratuitamente delle tracce per i vostri video:

Attualmente alcuni programmi per la creazione di video e contenuti social (per fare un esempio Crello), mettono a disposizione delle tracce pre-caricate per creare contenuti video con l’audio.

Sebbene spesso si vedano video e contenuti che utilizzano musiche e audio protetti da copyright, questo non significa che sia possibile farlo per contenuti commerciali!

Se siete alla ricerca di più materiale audio vi consigliamo anche di farvi un giro su Premiumbeat, in questi casi le tracce sono a pagamento ma la varietà è davvero notevole.

Contenuti di terzi

Posso ri-postare questo contenuto? Sui social il repost e la condivisione sono un must, come farli in modo corretto e trasparente?

  • Quando possibile condividere con collegamento direttamente alla fonte (Su Facebook e Linkedin con un semplice condividi, su Instagram condividendo sulle stories).
  • Se non è possibile condividere con collegamento re-postare con tag diretto alla fonte, o in ogni caso segnalando il/la creator e dove trovarl*

In linea generale sarebbe sempre buona norma CHIEDERE la possibilità di condividere, tuttavia è considerata abbastanza consolidata la pratica che vede un contenuto in cui si è taggati liberamente condivisibile, sempre con i credits, questo è chiaro. Se non siamo esplicitamente taggati invece diventa caldamente consigliata la richiesta di possibilità di condivisione, questo perchè è sempre discrezione del creator decidere se dare la possibilità di associare il suo contenuto al profilo che vorrebbe condividerlo.

Tutto il nostro articolo può essere riassunto in un “utilizzo onesto delle piattaforme” social, nel riconoscere ai creator i meriti dell’aver ideato e realizzato un contenuto e rispettare il lavoro altrui.

Volete saperne di più di quello che possiamo fare per voi? Scriveteci a info@rationalfeelings.com